venerdì 15 dicembre 2017

Percorsi didattici al Museo Storico Alfa Romeo di Arese, da non perdere!


L’offerta formativa del Museo Storico Alfa Romeo si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado con programmi differenziati e dedicati.

Dalla caccia al mito alla sicurezza stradale, dalla storia al car design, un’ampia proposta di visite tematiche, laboratori didattici e workshop con personale interno del museo.

giovedì 7 dicembre 2017

Una vita dedicata all'Alfa Romeo, Stefano d'Amico si racconta così

"C'è intesa e comunione d'intenti indirizzati alla creazione di un polo d'aggregazione tra estimatori e cultori del motorismo storico, per la salvaguardia del patrimonio culturale motoristico del Paese." E' la frase più volte ripetuta nel corso del suo incontro con Angelo Sticchi Damiani, Presidente Automobile Club d'Italia e di ACI Storico, per la stesura dell'accordo tra le due Associazioni. E’ il più recente colpo del Riar. Partiamo da qui, ce lo racconti.

"L’Automobile Club d’Italia è praticamente nato con l’automobile; è stato fondato nel 1905 e rappresenta la storia dell’automobilismo in Italia; quello vero, quello degli albori. Quello della nascita dell’Alfa Romeo e dei suoi innumerevoli successi sportivi dovuti a quel manipolo di eccezionali piloti come Campari, Nuvolari, Varzi, Fangio, ... che di questo marchio hanno contribuito a crearne il mito".

Il Riar nasce invece nel 1962, a Roma. Viene fondato da illustri personaggi animati esclusivamente da tanta sana e semplice passione lontani e indifferenti da ogni forma di mercantilismo che oggi attanaglia un pò troppo questo intero settore.  E l’Alfa Romeo che ne intuì gli scopi genuini e l’impegno entusiasta, fondamentali per promuovere meglio e ovunque la propria immagine, gli offrì sede e sostegno prima al Portello poi ad Arese anche al fine di meglio guidarne il cammino.

Ultimamente il Presidente ACI Sticchi Damiani, grazie alla sua antica passione e alla cultura che lo animano, ha creato il Club ACI Storico e ha ritenuto di di arricchirne contenuti, professionalità e competenze promuovendo un accordo con il Riar, associazione antica e prestigiosa che nel 1968 fu persino tra i soci fondatori dell’ASI la cui immagine è oggi un po' offuscata.  Un ulteriore impegno del Riar questo per essere vicino alle Istituzioni e lavorare con esse per offrire servizi opportunamente mirati e sempre migliori ai propri associati".

 La promozione e la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e sportivo dell’Alfa Romeo è stata la sua missione, la sua ossessione in un certo senso. E’ corretta questa percezione?

"L’Alfa Romeo ha preso il mio cuore fin da bambino quando scoprii nella campagna dei miei nonni in Sicilia una vecchia Alfa Romeo abbandonata in una stalla per nasconderla ai militari tedeschi in ritirata verso la fine dell’ultima guerra. Era dietro una mangiatoia di buoi, senza le ruote, coperta da tavole e fieno, trasformata in un bel gallinaio, ma aveva quello strano stemma sul radiatore che rapì la mia fantasia e catturò il mio cuore!

Ho conosciuto nel tempo personaggi magnifici, di grande carisma e cultura, che mi hanno legato ancora di più al mondo dell’auto d’epoca e dell’Alfa Romeo in particolare. Il barone Giorgio Franchetti, che mi ha insegnato a capire ed amare anche il Futurismo ed i suoi esponenti, il conte Lurani a Milano con le sue storie e i tanti aneddoti, i grandi Gigi Bonfanti e Maurizio Tabucchi, veri e puri esperti di Alfa, tanti piloti, tanti uomini dell’Alfa, vari Presidenti, ... E la passione divenne un’ossessione!".

Chi è il protagonista del Riar?

"Ma i nostri Soci naturalmente; non possono che essere loro. E’ il loro entusiasmo che ci sprona a fare sempre meglio per tenere viva e attiva questa bella, sana passione. Ed ognuno di loro ha la sua storia da raccontare, il suo modo di viverla e il suo modo di esserci, tutti accomunati da vera passione e forte amicizia. Ottimi sentimenti da condividere in questi tempi piuttosto decadenti.  Loro sono sempre stati l’orgoglio del mio lungo impegno con il Riar".

In tanti anni di presidenza Riar ha conosciuto personaggi di ogni tipo. Il suo ricordo alla scomparsa di Maurizio Tabucchi, giornalista, storico e Direttore di Quadrifoglio, è stato toccante. Lei scrisse “Scrivere di Maurizio Tabucchi vuol dire per me ripercorre quasi 50 anni della mia vita, la vita del sorriso, della passione condivisa, dell’amicizia. Quella che fa dimenticare molte ambasce del quotidiano e ti trasporta, come fosse un sogno, lungo strade insolite e sconosciute guidando vecchi ferri che un tempo suscitavano solo ilarità e malcelati sguardi di compatimento”. Sembra la descrizione della passione…

"Ho accennato a Bonfanti e Tabucchi alla sua domanda di prima. Loro sono stati i compagni della mia vita, gli amici di sempre con cui ho condiviso non solo la mia passione ma anche i miei dolori; e ne ho avuti diversi ! Loro hanno portato al Riar competenze e professionalità elevatissime, sempre svolte a titolo gratuito con grande capacità e serietà tanto da essere oggi riconosciute in ogni parte del mondo, insegnamenti fondamentali e preziosi che improntano oggi la nostra Commissione Tecnica e la nostra autonomia. Questi personaggi non ci sono più da tempo, portati via dal grande impegno/passione che ha improntato la loro vita.  Se solo si fossero risparmiati un po' di più ...

Nel Riar, anche grazie a loro, non c’è mai stata alcuna forma commerciale e speculativa. Siamo anzi la miniera, ricca e fruttuosa, cui in tanti cercano di mettere mano.  Tutti noi, a differenza di altre associazioni, operiamo a titolo del tutto gratuito e spesso con un impegno tale che non avrei mai attuato, ma neppure concepito, quando ero in piena attività professionale... Pure ben retribuita!"

1925. L'Alfa - Anonima Lombarda Fabbrica Automobili - giovane Casa automobilistica milanese nata dalla fallita francese Darraq si sta facendo sempre più largo a suon di vittorie clamorose nel mondo esclusivo delle corse, ho letto in un suo articolo. Come si è passato dai tempi eroici dell’Alfa Romeo, che in quello stesso anno dopo aver dominato l'anno prima in Sicilia alla Targa Florio, stravince il primo Campionato del Mondo di automobilismo, a quelli di oggi?

"Questa domanda è impegnativa, e per dare una bella risposta ci vorrebbero... 100 anni! Ho parlato di questa storia affascinante sui vari libri che ho scritto in questi anni.

L’Alfa Romeo, pur se nata da un fallimento, nasceva bene. I suoi creatori erano persone che vedevano lontano. Tecnici magnifici sotto un blasone illustre e glorioso che diverrà celebre anche su altri campi di battaglia : le piste, c’era un certo Henry Ford che si scappellava al suo passaggio, personalità e grandi signori che se le contendevano,  ...  Enzo Ferrari, che agli albori della sua carriera vi fu assunto come impiegato, dichiarò sempre che i meccanici dell’Alfa sapevano fare i guanti alle mosche !  Un’Azienda sempre turbata, sin dal suo nascere, da ogni sorta di difficoltà, economiche, sindacali, politiche, sociali, militari,  ... eppure sempre risorta e sopravvissuta fino ad oggi appunto. Spesso con vere ed abili acrobazie finanziarie e ferrea volontà. Il suo antico stemma è riapparso da due anni sulle piste più importanti del mondo ... anche se su vetture Ferrari di F1.  Niente di nuovo insomma; un ritorno al passato ma ... pensando al futuro.


Parliamo di auto. Il Riar sotto la sua direzione si è occupato di tutto, dalla P2 all’Alfasud. Ci spieghi la strategia.

"Agli inizi eravamo quattro amici al bar... E la massima occupazione era solo quella di ritrovarsi con i nostri vecchi ferri e andarcene a spasso; un po' ovunque, bastavano un paio di telefonate e si partiva. Poi siamo cresciuti ed è cresciuto l’interesse per le auto storiche, un mondo particolare dove l’Alfa Romeo e le Bugatti la facevano da padrone.  Molti non lo sanno, ma il Riar, con il sostegno tradizionale e concreto dell’Alfa Romeo, si inventò la prima Mille Miglia storica nel 1968, e poi la rievocazione della Milano - San Remo nel 1969 ed ancora la Targa Florio storica nel 1973, ... insomma avevamo messo giù tutte le premesse per accendere nuovi entusiasmi e grandi passioni ! E i nostri associati aumentavano, nuove vetture entravano nel settore delle storiche tra cui l’Alfasud. Io ne avevo una grigio chiara targata proprio Roma P2 ..... vede come ho risposto alla sua domanda, P2 e Alfasud. Era l’auto di tutti i giorni, povera e bella, mai un problema anche se manomessa dal preparatore Angelini. La vendetti ... per vergogna ( mi prendevano tutti in giro, non solo in famiglia ma persino in Alfa e persino l’allora Presidente dell’IRI, Professor Prodi, che dell’Alfa – Finmeccanica era padrone ), ed oggi la rimpiango per rabbia !  Mi rimproverò anche Maurizio Tabucchi .... te ne pentirai, mi disse. Aveva ragione. Oggi abbiamo creato un club nel club : “Instant Classic Registro Alfa Romeo” dove vogliamo riunire tutte le vetture più recenti Alfa Romeo , ivi incluse quelle di produzione. Quel loro antico stemma sul cofano le rende diverse dalle altre auto più o meno simili, con occhi a mandorla o meno. Esso racchiude infatti tanta di quella storia da renderle ... preziose. Mentre le guidi devi sapere che stai guidando sulla storia.

Strategie : al Riar ne abbiamo fatte sempre poche, forse sbagliando, perchè, mossi esclusivamente dalla passione, abbiamo sempre pensato solo all’interesse dei nostri soci e ad assicurare loro servizi e benefici per alimentarne ulteriormente passioni ed entusiasmi. Il Riar fu promotore del famoso articolo 60 che riconosce per legge i Registri di marca e gli conferisce autorevolezza nelle certificazioni e agevolazioni fiscali agli aventi diritto. Per non citare le numerose collaborazioni con i Ministeri preposti alla stesura del Nuovo Codice della Strada, ecc. ecc.